Piano nazionale adattamento cambiamenti climatici

È evidente come l’aumento delle temperature e l’intensificarsi di eventi estremi connessi ai cambiamenti climatici (siccità, ondate di caldo, venti, piogge intense, ecc.) amplifichino i rischi naturali (fenomeni di dissesto, alluvioni, erosione delle coste, carenza idrica) i cui impatti economici, sociali e ambientali sono destinati a manifestarsi sempre di più nei prossimi decenni. In questo […]

The post Piano nazionale adattamento cambiamenti climatici appeared first on Centro Studi Castelli.

È evidente come l’aumento delle temperature e l’intensificarsi di eventi estremi connessi ai cambiamenti climatici (siccità, ondate di caldo, venti, piogge intense, ecc.) amplifichino i rischi naturali (fenomeni di dissesto, alluvioni, erosione delle coste, carenza idrica) i cui impatti economici, sociali e ambientali sono destinati a manifestarsi sempre di più nei prossimi decenni. In questo contesto, è nata l’esigenza di pensare e redigere un piano di azioni di adattamento.
L’obiettivo principale del PNACC (Piano nazionale adattamento cambiamenti climatici) è fornire un quadro di indirizzo nazionale per l’implementazione di azioni finalizzate a:
ridurre al minimo possibile i rischi derivanti dai cambiamenti climatici;
migliorare la capacità di adattamento dei sistemi socioeconomici e naturali;
trarre vantaggio dalle eventuali opportunità che si potranno presentare con le nuove condizioni climatiche.
Va ricordato che il percorso che il Ministero ha deciso di intraprendere consta di 2 fasi complementari e consecutive tra loro:
una prima fase che si conclude con l’approvazione del PNACC;