Dotazione del trust tramite testamento, niente imposta di successione

Nel caso di specie, una persona fisica residente in Italia nel 2021 aveva istituito un trust (regolato dalla legge di Jersey) indicando come beneficiario in prima battuta suo figlio, in sua assenza il coniuge dello stesso e, in sua assenza una fondazione. Nel 2022, la disponente (con patrimonio costituito da beni immobili situati in Italia […]

The post Dotazione del trust tramite testamento, niente imposta di successione appeared first on Sistema Ratio – Centro Studi Castelli.

Nel caso di specie, una persona fisica residente in Italia nel 2021 aveva istituito un trust (regolato dalla legge di Jersey) indicando come beneficiario in prima battuta suo figlio, in sua assenza il coniuge dello stesso e, in sua assenza una fondazione. Nel 2022, la disponente (con patrimonio costituito da beni immobili situati in Italia e beni mobili) era morta e, con testamento pubblico, aveva istituito suo erede universale il trust.
In questo contesto, in sede d’interpello, il trustee, quale soggetto tenuto alla presentazione della dichiarazione di successione, ha chiesto all’Amministrazione Finanziaria di chiarire:
le modalità di tassazione del trust stante l’apporto previsto mortis causa (al riguardo, in virtù del principio di tassazione “in uscita” dei beni che vengono conferiti nel trust espresso dall’Agenzia delle Entrate nella circolare 20.10.2022, n. 34/E, è stata sostenuta l’inapplicabilità dell’imposta di donazione, stante il mancato arricchimento in capo al trustee, e l’applicazione in misura fissa delle imposte ipotecaria e catastale in relazione ai beni immobili presenti nell’asse ereditario);
le modalità di presentazione della dichiarazione di successione, ovvero la necessità di presentare quest’ultima in via telematica (come prospettato dalla risposta alla FAQ pubblicata dall’Agenzia delle Entrate il 5.04.2023) o tramite modello cartaceo da consegnare all’ufficio competente in base all’ultimo domicilio del de cuius.