Decreto Agosto: focus sul settore turismo


Il D.L. 104/2020 introduce diverse agevolazioni, tra cui l’estensione di un mese del credito da locazioni, l’esenzione Imu, il credito d’imposta del 65% per la riqualificazione.
Il credito d'imposta per le locazioni si estende di un ulteriore mese: giugno (o luglio per gli stagionali). Questa è l'aggiunta dell'art. 77 del Decreto Agosto. Pertanto, il credito d'imposta per la locazione di immobili ad uso non abitativo concesso agli affittuari (imprenditori o professionisti) spetta per i canoni pagati dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno (o aprile, maggio, giugno e luglio per gli stagionali), a condizione che nel mese di riferimento 2020 vi sia stato un calo di fatturato o corrispettivi di almeno il 50% rispetto allo stesso mese 2019. La verifica del calo non va effettuata per le Newco 2019.
Si ricorda che le percentuali del credito sono variate con la conversione del D.L. 34/2020 in legge e precisamente sono del:
60% dell'ammontare mensile del canone per i soggetti con ricavi/compensi non superiori a 5 milioni di Euro nel 2019;
30% dell'ammontare mensile del canone per i contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d'azienda;
20% dell'ammontare mensile del canone per le imprese esercenti attività di commercio al dettaglio, con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di Euro nel 2019;
10% dell'ammontare mensile del canone per le imprese esercenti attività di commercio al dettaglio, con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di Euro nel 2019 in caso di contratti di servizi a prestazione complesse o di affitto d'azienda;
60% o 30% (se prestazioni complesse o affitto d'azienda) indipendentemente dal volume di ricavi o compensi 2019 per le strutture alberghiere, termali e agrituristiche, agenzie di viaggio e turismo e tour operator.
Sebbene l'art. 77 titoli “Misure urgenti per il settore turistico” l'estensione di 1 mese va a favore di tutti i citati beneficiari del credito, e non soltanto il settore turismo.
Sempre per sollevare il sopra citato settore, l'art. 78 D.L. 104/2020 introduce l'esenzione da Imu, o meglio della seconda rata Imu che sarebbe da versare a dicembre 2020. L'esenzione si applica agli immobili:
• adibiti a stabilimenti balneari/termali;
• in categoria D/2, ossia alberghi;
agriturismi, villaggi turistici, rifugi di montagna, B&B, residence, campeggi, a condizione che i proprietari siano anche i gestori delle attività ivi esercitate;
• in categoria D in uso per fiere o manifestazioni;
cinema, teatri e sale concerto, nonché discoteche, sale da ballo ecc., sempre a condizione che i proprietari siano anche i gestori delle attività esercitate.
Inoltre, per gli immobili in categoria D/3 (cinema, teatri, sale concerto) l'esenzione Imu non riguarda soltanto la seconda rata del 2020, ma anche tutto il 2021 e 2022. Da sottolineare che l'efficacia delle predette misure è subordinata all'autorizzazione della Commissione europea.
Per concludere il pacchetto agevolazioni al settore turistico si segnala l'art .79 che prevede un credito d'imposta per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere, nella misura del 65% (originariamente, ai sensi dell'art. 10, D.L. 83/2014, era del 30%) per il 2020 e 2021, utilizzabile esclusivamente in compensazione e da ripartire in 3 quote annuali. Il credito spetta anche per la realizzazione di piscine termali (comprese apparecchiature e attrezzature necessarie), nonché per le strutture ricettive all'aria aperta.



IMPOSTE E TASSE

Bonus bici: a chi, come e quando

28/08/2020


La misura prevista dal Decreto Rilancio copre l’importo del 60% della spesa sostenuta (massimo 500 euro) per l’acquisto di biciclette tradizionali o a pedalata assistita, monopattini, hoverboard, segway o servizi di bike-sharing.