Credito investimenti pubblicitari: per tutto settembre la prenotazione


Presentazione della comunicazione per l’accesso al credito entro il 30.09.2002. Credito 2020 pari al 50% delle spese sostenute nell’anno.
Eccezionalmente per l'anno 2020 il credito d'imposta per gli investimenti pubblicitari viene riconosciuto nella misura del 50% del valore totale degli investimenti effettuati nel 2020. Non vi è da effettuare, pertanto, alcun confronto incrementale con l'anno precedente, né quindi misurare l'incremento nell'1% almeno rispetto all'anno precedente.
Spetta un credito d'imposta, da utilizzare esclusivamente in compensazione, da presentare tramite i servizi telematici dell'Agenzia dopo la realizzazione dell'investimento, pari alla metà delle spese sostenute nel 2020 per investimenti pubblicitari sulla stampa quotidiana e periodica anche online e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali (anche nazionali non partecipate dallo Stato).
La “prenotazione” del credito, ossia la Comunicazione per l'accesso al credito d'imposta può essere presentata dallo scorso 1.09 e fino al prossimo 30.09 attraverso i canali telematici dell'Agenzia nella sezione “Servizi per” – “Comunicare” – “Credito d'imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali” “Comunicazione” “Compila una comunicazione”.
Si considera valida l'ultima comunicazione presentata.
Pertanto, se si fosse inviata una comunicazione lo scorso mese di marzo (mese originariamente disposto per la prenotazione), è possibile o presentare una nuova comunicazione in settembre che quindi va a sostituire la precedente o attendere il momento della conferma del credito a posteriori da effettuare nel mese di gennaio 2021 (Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati nel 2020).
Per quanto riguarda la comunicazione, ossia la prenotazione del credito, si ricorda che le domande non saranno considerate in ordine cronologico e se vi dovesse essere un'insufficienza di risorse si provvederà al riparto percentuale tra i richiedenti. In ogni caso si ricorda che le risorse stanziate per il 2020 sono di 60 milioni di euro.
Per il 2020, quale anno eccezionale, il credito si determinerà nel seguente modo a titolo esemplificativo: spese per investimenti pubblicitari sull'emittente televisiva XY: 5.000. 2.500 sarà il credito riconosciuto e da utilizzare in compensazione, previa attestazione dell'effettuazione delle spese da parte di un professionista legittimato a rilasciare il visto di conformità o da revisori legali (art. 4, c. 2 D.P.C.M. 16.05.2018, n. 90).
Mentre a regime (quindi dal 2021) il credito si determinerà nella misura del 75% (o 90% per le PMI o start-up) dell'incremento degli investimenti pubblicitari effettuati sullo stesso mezzo di informazione, considerando un incremento minimo dell'1% rispetto all'anno precedente (quindi nel caso del 2021, rispetto al 2020).
Il credito è imponibile ai fini Ires, Irpef e Irap e il suo codice tributo è 6900.
I soggetti beneficiari sia per il 2020 che per gli anni a seguire sono:
• imprese;
• enti non commerciali;
• lavoratori autonomi.
Infine, si ricorda che non viene riconosciuto il credito per le seguenti tipologie di investimenti:
• grafica pubblicitaria su cartelloni fisici;
• volantini cartacei periodici;
• pubblicità su cartellonistica;
• pubblicità su vetture o apparecchiature;
• pubblicità mediante affissioni e display;
• pubblicità su schermi di sale cinematografiche;
• pubblicità tramite social (tipo Facebook) o piattaforma online;
• banner pubblicitari su portali online.



LAVORO

Chiamatelo bonus casalinghe

10/09/2020


Con il “Decreto Agosto” viene istituito un fondo di 3 milioni all’anno per la “formazione personale” della categoria.



IMPOSTE E TASSE

Ripresa versamenti Inps dal 16.09: istruzioni

04/09/2020


Aziende, lavoratori autonomi (artigiani e commercianti) e iscritti alla Gestione Separata (committenti), tenuti da maggio a versare i contributi sospesi per Covid-19, possono inviare la domanda di ulteriore rateizzazione, seguendo le indicazioni del messaggio Inps 20.07.2020, n. 2871.



IMPOSTE E TASSE

Istruzioni per utilizzo delle detrazioni 110%

07/09/2020


L’art. 119, D.L. 34/2020 convertito nella L. 77/2020 non prevede espressamente quali siano le modalità, ma indirettamente se ne ricavano 3. In particolare, con il superbonus il credito può essere ceduto a chiunque, compresi i familiari che presentino una dichiarazione dei redditi con imposta lorda elevata.